Slide1 background
Slide1 background
Slide1 background
Slide1 background
Slide1 background
Slide1 background
Slide1 background
Slide1 background
Slide1 background
Slide1 background
Slide1 background
Committente Infrastrutture Lombarde, Milano
Progetto Ing. A. Bortolazzi Consulting, Ferrara
Struttura Ing. Franco Mola, Milano
Costruzione Consorzio SANCO, Como
Impermeabilizzazione Drytech Italia, Montano Lucino COMO
OSPEDALE S.ANNA, COMO / Il nuovo ospedale S. Anna di Como sorge su un’area di oltre 55.000 m². La struttura stata inaugurata nel 2010, a quattro anni dall’apertura del cantiere. Progettato a livello strutturale dall’Ing. Mola e realizzato dal Consorzio SANCO, il Policlinico comasco ha due piani sotterranei esposti a un battente di falda di 2 metri, che ospiteranno anche le sale operatorie.

L’impermeabilizzazione stata realizzata con il Sistema Vasca Bianca Drytech che, per caratteristiche costruttive e organizzazione, ha garantito anche una sensibile riduzione di giornate nel bilancio complessivo del cantiere.

Le attività del Sistema Vasca Bianca, infatti, sono parallele alle altre del cantiere per cui, di fatto, la voce impermeabilizzazione stata stralciata dal calendario lavori. Inoltre il tecnico Drytech può programmare i propri inteventi sulle esiègenze degli altri operatori - ferraioli, getti, etc - che, di conseguenza, non hanno vincoli derivanti dalle attività di impermeabilizzazione.

Per sostenere il peso della struttura, il sito del cantiere stato consolidato con circa 4000 pali in cemento armato, di profondità variabile tra i 20 e i 30 metri. I pali sono stati gettati in camicie conficcate nel terreno con microesplosioni.
Si quindi partiti alla realizzazione della Vasca Bianca, con l’applicazione del programma DRYset. Gli elementi del programma DRYset servono innanzitutto a favorire la diffusione rapida e capillare della resina DRYflex che, insieme al calcestruzzo impermeabile, sono i fattori di impermeabilizzazione della struttura sotterranea.

Gli attraversamenti sono stati approntati con manicotti DRYset. La platea - spessore da 50 a 100 cm - à stata suddivisa in aree di getto con gli Elementi di Fessurazione Programmata DRYset (EFP). Attraverso questi elementi l’Engineering Drytech riesce a controllare la fessurazione di ritiro che, appunto, si concentra in corrispondenza degli EFP. Queste fessure vengono poi agevolmente impermeabilizzate con iniezioni di resina DRYflex.

Gli EFP hanno anche funzione di sponde cassero: questo un ulteriore fattore di risparmio di tempo, perché vengono eliminate tutte le attività di disarmo dei casseri. Anche il Canale DRYset posato nei giunti di ripresa viene iniettato a maturazione del calcestruzzo, impermeabilizzando l’intero spessore del giunto. L’acqua si troverà quindi una barriera impermeabile di 140 cm: tale infatti lo spessore del calcestruzzo impermeabile e della resina che satura il giunto.

Essendo costituita da una struttura singola in calcestruzzo impermeabile, la Vasca Bianca Drytech facilmente accessibile dall’interno. Eventuali interventi di manutenzione si limitano a rapide e puntuali iniezioni localizzate, senza demolizioni o sbancamenti e, soprattutto, senza condizionare la normale agibilità dei locali. Inoltre, le eventuali venute d’acqua corrispondono esattamente al punto d’infiltrazione: da qui la precisione e l’efficacia degli interventi.

A questi vantaggi, il Sistema Vasca Bianca Drytech aggiunge le Garanzie Assicurative sulla manutenzione- fino a 10 anni -. Garanzia che Drytech può offrire perché l’unico referente e responsabile di tutto il sistema di impermeabilizzazione, a partire dalla fase di progettazione, liberando il progettista da ogni responsabilità rispetto all’impermeabilità della costruzione contro terra.

Drytech®

Drytech® è l'esperto di riferimento per l'impermeabilizzazione in falda di architetti, ingegneri, imprese ed enti.

Dal 1963 ci occupiamo esclusivamente di strutture impermeabili e risanamenti, operando direttamente nei cantieri di tutta Europa.


Contact

Drytech International
+41 91 960 23 49
info@drytech.ch